La gestione delle risorse umane nell’ambito della Supply Chain

man person people street

La gestione delle risorse umane nell’ambito della Supply Chain

La gestione delle risorse umane all’interno della supply chain con il passare degli anni ha assunto un ruolo sempre più strategico. Gestire le risorse umane significa curare ogni aspetto dall’assunzione, alla retribuzione, alla valutazione delle prestazioni, allo sviluppo della carriera, alla promozione fino alla risoluzione dei rapporti di lavoro. Il Management aziendale quando attua politiche di gestione del capitale umano si prefigge di raggiungere i seguenti obiettivi:

  1. definire e comunicare gli obiettivi dell’azienda;
  2. incentivare e far concentrare le risorse sul raggiungimento degli obiettivi;
  3. ottenere e sviluppare le capacità “umane” necessarie per far crescere l’azienda.

La retribuzione e la valutazione delle prestazioni sono fondamentali, sia per quanto riguarda la definizione e la comunicazione degli obiettivi aziendali, sia nell’incentivare i comportamenti che permettono all’azienda di raggiungere gli obiettivi. L’errore più comune che molte aziende fanno è quello di enfatizzare fin troppo le questioni legate ai programmi retributivi e di non preoccuparsi di comunicare i propri obiettivi. Questo problema, che nasce spesso dalla mancanza di una lucida strategia, conduce a una situazione in cui le diverse funzioni aziendali hanno obiettivi troppo vaghi o, in certi casi, addirittura conflittuali. In una simile situazione, le singole funzioni lavorano quindi con obiettivi contrapposti e si dimostrano, in modo ostinato, resistenti al cambiamento: è il sistema di valutazione delle prestazioni che, di solito, riflette e acuisce questi problemi.

Le politiche di selezione e assunzione, a tutti i livelli della struttura organizzativa, determinano lo spettro delle capacità delle risorse umane di cui dispone un’azienda nel corso del tempo. Il top management si trova a svolgere un ruolo di primaria importanza, dal momento che deve capire quali aree sono cruciali per il successo sia nel breve che nel medio-lungo termine e deve, altresì, assegnare le risorse in base ai propri talenti: collocare in una determinata area/funzione una risorsa incapace, infatti, può provocare danni seri all’organizzazione con ovvie conseguenze negative sul risultato economico. Comprendere quali siano le aree cruciali non è così semplice come potrebbe sembrare. Per esempio, per un’azienda in cui è necessario un forte coordinamento tra le funzioni, il top management dovrà selezionare individui non solo competenti dal punto di vista tecnico, ma che abbiano anche flessibilità e buone capacità relazionali: trattasi di caratteristiche innate, che spesso è impossibile “insegnare”.

Lo sviluppo del piano di carriera comprende non solo la job progression ma anche la knowledge-building e la formazione. Tradizionalmente, i primi programmi di sviluppo della carriera si sono concentrati sull’insegnamento di abilità tecniche, seguite da programmi che tentano di trasmettere, più in generale, capacità di gestione. Alcune aziende, poi, accanto a questo tipo di programma sono solite prevedere rotazioni di lavoro pluriennali che consentono ai singoli manager di acquisire conoscenze ed esperienze in più aree funzionali.

Si tratta di un approccio molto tradizionale che può condurre a due tipi di problemi:

  • innanzitutto, una mancata conoscenza globale dell’intera Supply Chain e a maggior ragione delle best practices in altri settori, non necessariamente simili, dal momento che i programmi sono focalizzati sull’interno;
  • in secondo luogo, essendo l’obiettivo implicito di questi programmi quello di sviluppare capacità e conoscenze di tipo generale, spesso tali programmi non sono adatti per portare avanti obiettivi aziendali specifici.

Lo sviluppo della carriera deve essere trasversale rispetto alle funzioni ma anche rispetto ai confini stessi dell’azienda; ciò equivale a dire che per fare una buona carriera sono richieste esperienze di lavoro ben strutturate anche all’interno di altre aziende. Tale necessità aumenta per le posizioni chiave e di alta responsabilità.

L’ importanza delle politiche di “promozione” del personale, da una posizione organizzativa ad un’altra superiore, va ben al di là del semplice rafforzamento degli obiettivi, dello stipendio e della motivazione. Attraverso le promozioni, la Direzione comunica alle risorse umane la sua determinazione di intenti. Questo accade in due modi: in primo luogo, la promozione stessa viene vista come un importante incentivo e anche un esplicito segnale all’intera organizzazione. Secondariamente, la promozione colloca individui capaci – quelli le cui azioni sono coerenti con gli obiettivi aziendali – in posizioni di crescenti responsabilità . E questo amplifica l’impatto del loro lavoro sull’azienda.

All’opposto, la risoluzione dei rapporti può trasmettere un segnale ancora più forte ed esplicito all’intera azienda. Presto o tardi la maggior parte delle imprese si troverà a dover sollevarre dall’incarico qualche addetto a causa di prestazioni inadeguate o condizioni economiche sfavorevoli; sono molto rari i casi in cui un’azienda abbia sufficiente chiarezza e determinazione sui propri obiettivi, da riuscire in maniera corretta a sollevare dall’incarico un addetto competente che, però, agisce continuamente in maniera conflittuale rispetto agli obiettivi aziendali. Troppo spesso, in situazioni simili, il vero problema è riconducibile al fatto che la Direzione non è riuscita a comunicare chiaramente i propri obiettivi, oppure – circistanza ancora più comune – che la valutazione delle prestazioni, o gli incentivi, sono in contrasto con gli obiettivi stessi.

CONCLUSIONI

Sia che si tratti di assunzione, retribuzione, valutazione delle performances, sviluppo di carriera, promozione o risoluzione dei rapporti di lavoro, coloro che sono preposti alla guida del personale hanno la responsabilità di analizzare nel dettaglio ogni singolo aspetto e di prendere la decisione migliore per il bene dell’azienda che rappresentano.

BIBLIOGRAFIA

Ferrozzi, C., Shapiro, R., (2006) “Dalla Logistica al Supply Chain Management”, ISEDI

Difrancescobaldin

Mi chiamo Francesco Baldin, ho una Laurea Specialistica in Economia Aziendale e un Master in Business Administration. Ho esperienza in ambito Amministrazione, Finanza e Controllo e Acquisti. Da Aprile 2018 sono ideatore e amministratore di un blog professionale che ha come obiettivo la condivisione di articoli, opinioni ed esperienze in ambito economico-aziendale.

One thought on “La gestione delle risorse umane nell’ambito della Supply Chain

Rispondi

Dott. Francesco Baldin - Treviso - IT
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: